I.S.I.S. Oberdan di Treviglio

 
  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Valutazione Apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI

in ambito disciplinare e interdisciplinare

In premessa, per quanto attiene la valutazione , pare opportuno evidenziarne il carattere formativo, educativo e di stimolo per il riconoscimento da parte dello stesso studente delle proprie competenze, si da valorizzarle, prendendo consapevolezza anche delle proprie lacune, delle conseguenti necessità di recupero e relativi approfondimenti. 
 
Per poter attuare tutto ciò, annualmente nelle singole riunioni di dipartimento si concordano e si definiscono gli standard di prestazioni o indicatori di competenze da utilizzare come termini di riferimento per il raggiungimento degli obiettivi nei curricoli disciplinari e per la valutazione dei risultati raggiunti dai singoli studenti. Ogni area disciplinare stabilisce standard minimi disciplinari per competenze. Ogni Consiglio di classe si riferisce ad una griglia di valutazione globale concordata. Nei test trasversali e nelle prove oggettive è consuetudine prestabilire un livello in percentuale come standard di superamento delle prova. Per l’accertamento delle conoscenze e delle abilità conseguite dall’alunno, i docenti effettuano prove di verifica scritte ed orali in un numero congruo per quadrimestre, concordate con gli alunni ai quali vengono comunicati sia gli argomenti oggetto di verifica che i criteri di valutazione.
Le prove sono pertanto:
  • costanti: segnano il percorso educativo dello studente e della classe. La normativa di legge ne prevede un congruo numero, cioè proporzionato alle esigenze valutative. I risultati sono comunicati alla classe entro un ragionevole lasso di tempo;
  • in itinere: eventualmente all'inizio del processo educativo per rilevare le basi di partenza su cui misurare i propri interventi e valutare poi il percorso compiuto dallo studente; dentro il processo per verificarne l'andamento; alla fine per controllare il complesso di competenze raggiunto;
  • di tipologia varia: coerentemente con gli obiettivi di apprendimento previsti dal piano dell’offerta formativa scritte, orali, pratiche, multimediali, interattive ,parallele. Le prove parallele sono frutto di una condivisione di obiettivi e finalità e si inseriscono nell’ambito di un dibattito aperto nell’Istituto sul tema della valutazione, momento cruciale dell’attività didattica e del ruolo docente. 
Le verifiche consentono di valutare il livello di competenze raggiunte e di predisporre eventuali interventi di recupero-sostegno come da piano dell’Istituto. Tali interventi saranno attuati con la predisposizione di un progetto "ad hoc".
Negli scrutini intermedi delle classi del primo e del secondo biennio e del quinto anno  la valutazione dei risultati raggiunti è formulata nelle discipline mediante un voto unico, come nello scrutinio finale (delibera del Collegio dei docenti)accogliendo  la C.M. 89-2012  che afferma  “il voto deve essere espressione di sintesi valutativa e pertanto deve fondarsi su una pluralità di prove di verifica riconducibili a diverse tipologie, coerenti con le strategie metodologico-didattiche adottate dai docenti. Sarà cura quindi del collegio dei docenti e dei dipartimenti fissare preventivamente le tipologie di verifica nel rispetto dei principi definiti dai decreti istitutivi dei nuovi ordinamenti“.
.

continua a leggere
 
 



NUMERI UTILI  "Guglielmo Oberdan" Viale Merisio, 14 - 24047 - Treviglio(BG)  tel. 0363 49861  fax 0363 303165 
bgis03700g@istruzione.it - bgis03700g@pec.istruzione.it